Archivi tag: Piccolo levriero italiano

Das Gretchen

I Piccoli Levrieri Italiani sono sempre così signorili eleganti, vero?

Non proprio!

Ecco la nostra Greta, (Lupavaro Gertrud’s memory), 9 anni ma al rientro da una passeggiata in campagna, dove si è divertita a saltare e correre attraverso una grossa pozzanghera.

Tutta soddisfstta ma altro che elegante! 😂

Buona Pasqua!

Buona Pasqua!

Se cercate il coniglietto della Pasqua: è qui 🙂 

Lenny, il cane in foto, ha 15 anni e si gode la terza età.

Per favore, non chiedete in adozione i nostri adulti: loro faranno parte della nostra  famiglia per tutta la vita! 

Allevamento Piccoli Levrieri Italiani

La grande eredità dei levrieri

La grande eredità dei levrieri 

Riassunto e traduzione a cura di Valeria Rocco per l’allevamento “Lupavaro”

Premesso che sono tedesca vorrei qui di seguito pubblicare la traduzione di uno scritto, tratto da “Das große Windhunderbe” che contiene un articolo, sempre in lingua tedesca, pubblicato nel   “Zuchtbuch des DWZRV 1963/196450″, scritto dalla Signora Pia Pfleger, titolare dell’allevamento ” Springinsfeld” La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale di questa traduzione sono espressamente vietati in assenza di una autorizzazione scritta, giacché il lavoro di ricerca e la seguente traduzione dalla lingua originale è un lavoro lungo e meticoloso.

Piccolo Levriero Italiano

ringrazio l’artista romana Paola Marinangeli per aver messo a disposizione alcune delle sue opere per illustrare questo scritto.

La grande eredità dei levrieri

Carlo I nel 1624 portò dalla Francia i primi esemplari in Inghilterra, la sua intenzione era quella di incrociali con alcune razze terrier per dare vita ad un cane da caccia di elegante statura. Questi tentativi furono fatti anche nelle generazioni successive, dando vita alla razza Whippet.

Durante la Rivoluzione inglese a la decapitazione di Carlo I, tutti i cani furono rubati e sparsi per tutto il territorio. In Germania la razza ha conquistato grandi onori grazie a Federico il Grande, che non era mai senza la compagnia dei suoi piccoli levrieri italiani;  doveva averne tra  40 e 80 esemplari.

Federico il Grande di Prussia adorava i Piccoli Levrieri Italiani. Le sue preferite si chiamavano “Biche” (†1752) ed “Alkmene” (†1785). Sebbene nei quadri, che raffigurano “il vecchio Fritz”, i cani al suo fianco sembrano essere di dimensioni maggiori ma questo è da attribuire al fatto, che i Pittori cercavano di dare maggiore effetto ai quadri aumentando la mole dei levrieri raffigurati.
Ecco una statua che lo raffigura con “Alkmene” e “Hasenfuss”
Continua a leggere

10 motivi per NON scegliere un Piccolo Levriero Italiano

10 motivi per NON scegliere un Piccolo Levriero Italiano
Sei alla ricerca del cane “ideale” per te e la tua famiglia e il Piccolo Levriero Italiano ti ha affascinato, vero? Magari non eri proprio a conoscenza del fatto, che esista un levriero di taglia così contenuta. Non riesci a toglierti questi Piccoli levrieri Italiani dalla mente e inizi a fare un po’ di ricerche sulla razza. Certo, il Piccolo Levriero Italiano ha un pelo di o raso e lucente, si dice che non ne perde affatto e che sia un cane
anallergico“. Sarà vero? Si dice anche, che un cane così piccolo ed elegante sia di facile gestione e che sia ideale in appartamento perché pulitissimo. È così? Già vi vedete comodi sul divano con il levriero ai vostri piedi? Sogno o realtà? Scoprilo da solo, leggendo i seguenti 10 motivi per non scegliere un Piccolo Levriero Italiano”

Continua a leggere

Aprile dolce dormire

Aprile, dolce dormire

Lupavaro, Piccoli Levrieri Italiani 

Levrieri ad aprile: è davvero un dolce dormire?
Aprile, dolce dormire - Due Piccoli Levrieri Italiani dell'allevamento Lupavaro

La risposta è: no La primavera è la stagione che preferisco in assoluto. L’aria tiepida, ma non caldissima, invita ad esplorare, passeggiare, godere del risveglio della natura, altro che dormire! Una meravigliosa esplosione di colori e odori, finalmente il sole riscalda nuovamente con i suoi raggi, una vera carezza all’anima sia per noi che per i nostri Piccoli Levrieri Italiani.
Continua a leggere

Buon compleanno Lenny!

Buon compleanno Lenny!


Il tempo vola, a volte non me ne rendo conto! Il 13 febbraio hai compiuto 14 anni!  Sembrava ieri che eri un piccolo fagottino! Buon compleanno Lenny, i tuoi anni non ti pesano, a parte i piccoli acciacchi della vecchiaia. Sappi che vogliamo averti con noi ancora per molti anni!

Per favore, non chiedetemi in adozione i nostri cani, NON li chiamiamo “fattrici” e “stalloni“. Non li chiamiamo “soggetti” e, soprettutto,  non li affidiamo quando invecchiano.  Loro fanno parte della nostra famiglia, e come tali nascono e muoiono a casa nostra, circondati d’amore e affetto. I nostri Piccoli levrieri Italiani vivono in casa con noi e partecipano attivamente alla vita familiare. I nostri piccoli nascono nella nostra camera da letto, non ci siamo mai persi un parto! 

Eccolo qui, il piccolo Lenny, uno dei nostri Piccoli Levrieri Italiani anziani, mentre si gode un sonnellino nel lettone. Ha compiuto 14 anni a febbraio e dorme molte più ore, anche durante il giorno. E’ proprio vero che anziani e cuccioli hanno molte cose in comune!    

Buon compleanno Lenny

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Caro Lenny Boy! Per gli amici “Lenny B”. Ci auguriamo di passare ancora molti compleanni con te. Sei un levrierino speciale e non solo per il tuo colore! Sei cresciuto insieme ai nostri figli i quali, ormai grandi, vivono per conto loro e sei sempre felice come un cucciolo quando li rivedi. Da giovane eri un autentico rompiscatole, ricordo ancora la tua reazione, quando da cucciolo ti mettevo per la prima volta un collare: eri scandalizzato!!! Non ho ma piùi visto un cane agitarsi in quel modo per cercare di togliersi “l’elemento disturbatore” dal collo. Sei unico piccolo Lenny! Ora ti preparo una buonissima pappa mentre tu già brontoli, come tuo solito. Eh si, per te, piccolo Lenny,  non solo mai veloce abbastanza quando si tratta di mangiare.