LUPAVARO

Allevamento Amatoriale Piccoli levrieri Italiani

riconosciuto ENCI/FCI

 

Chi siamo

Dedicato alla memoria di Gertrud Müller

Luigi Panico & Valeria Rocco = LUPAVARO

 

 

di cui Valeria è la Presidente  è anche il Rescue Center per le razze Piccolo Levriero Italiano e Cani nudi e i loro Mix!

Codice Fiscale Associazione: 92089520644

IBAN: IT87D0200875790000103174325

SWIFT/BIC (PER L'ESTERO) : UNCRITM1E94 

UNICREDIT SPA - MUGNANO DEL CARDINALE (AV)


Clicca qua per saperne di piu'!

Siamo Luigi e Valeria, viviamo in provincia di Avellino. I nostri figli, ormai grandi, hanno spiccato il volo verso la loro indipendenza lavorando e  e vivendo Daniele all'estero e Mirko non lontano da noi. Condividiamo la nostra vita con i nostri cani, gatti , paperelle e galline. Io, Valeria lavoro nella cardiochirurgia di una Clinica irpina.

Luigi disegna e  produce collari, guinzagli ed accesssori in pelle per cani ed è un rinomato fotografo per cani che,  con uno studio fotografico mobile, offre i suoi meravigliosi Servizi Fotografici al vostro domicilio donando il 50% del ricavato al mio Rescue Center. Insomma: un Grande! Se siete interessati ad un Servizio Fotografico personalizzato ( ha dei costi sostenibili davvero per tutti!) potete cliccare qui e prenotare il Vostro!

  E pensare che in principio sembrava unirci solo la passione per la chitarra elettrica Blues. Ho conosciuto Luigi moltissimi  anni fa grazie alla musica; lui, eccellente chitarrista Blues ma anche un'artista molto creativo era il mio idolo oltre che essere il mio maestro di chitarra elettrica da sempre ma al contrario mio che ho sempre avuto animali lui aveva un grande "difetto": Luigi, più dei cani amava i gatti!!


Io sono nata e cresciuta a Dortmund, da madre tedesca e padre napoletano e ho vissuto in Germania gran parte della mia vita. Amo i levrieri da sempre, ho avuto il  mio primo cane a 12 anni circa e sarò sempre sempre grata a mia nonna Gertrud che mi ha trasmesso l’immenso amore per tutti gli animali ed in particolar modo per i cani. Ricordo benissimo il mio primo “incontro” con il piccolo levriero italiano: quando ero bambna mia nonna mi regalò per Natale un libro con la descrizione e le foto delle razze canine divisa per gruppo di appartenenza e fu lì che vidi per la prima volta un “Italienisches Windspiel”, ne lessi del carattere dolce e mite e ne rimasi affascinata tanto che quell’immagine mi ha accompagnata durante tutta la mia giovinezza con il desiderio di vivere con una di queste splendide creature. Peccato che i miei genitori non la pensavano come me, anzi, quei cani “brutti e secchi” alla fine piacevano solo a me. Fortunatamente si cresce prima o poi. Ho preso il mio primo levriero in canile, era nel 1997 era ridotta malissimo, doveva essere un’incrocio tra un whippet e un dalmata e appena ci guardammo fu amore a prima vista, il suo nome era Cyndee. Nel 2002 venni a sapere della tragedia dei cinodromi, all'epoca non se ne parlava molto. 
Decisi di adottare Bolero, un’enorme Greyhound bianco e nero di 11 anni. Sono felice di avergli dato una famiglia che lo amava e lo ricorderò per sempre. Bolero si è spento nelle mie braccia dopo un ictus e ancora oggi mi manca terribilmente. Trovate la sua storia cliccando qui.

 

In seguito pero' era arrivato il "mio" momento: avevo come mio solito letto e studiato parecchio sulla razza  e finalmente mi sentivo pronta e ho voluto realizzare il mio grande desiderio: Il Piccolo Levriero Italiano! Abbiamo comprato una casetta in campagna, lontani da tutto e tutti con un'enorme giardino che abbiamo interamente recintato e reso a prova di levriero. Qui viviamo felici di goderci i nostri cani e la natura circostante delle colline irpine. Abbiamo perso molti dei vecchi amici a causa di questo cambiamento ma ne abbiamo guadagnati altrettanto di nuovi e a quest'ultimi non imposta se sul divano c'è qualche pelo o se mangiando ti trovi il gatto nemo sulla spalla. 

Nel 2010 incontro in un EXPO un'allevatrice estera con i suoi cani nudi cinesi e parlammo molto di questi cani. Questo colloquio nonchè quegli stessi cani suscitarono una grande sete di sapere in me e iniziai a studiare e documentarmi sulla razza e nei 2 anni a seguire continuavo ad osservarli e studiarli "da lontano" fino a che nel 2012 sono entrati a far parte della nostra famiglia anche i nostri primi due Chinese Crested Dogs che come indole e carattere si integrano egregiamente tra i levrieri. 

Essendo nata come Rescuer non ho mai perso l'abitudine di occuparmi dei cani meno fortunati e così è nato il

 Lupavaro Rescue Center  Italia 

autorizzato dal CPLI

Accogliamo PLI , Cani nudi e meticci di queste razze da persone che ci contattano perchè non possono piu' tenerli per svariate problematiche (carattere, scarsa pulizia, malattia del cane, eta' avanzata, allergia, ecc ecc) ,li castriamo/sterilizziamo a spese nostre e cerchiamo per loro una nuova famiglia.

Se dunque per problemi personali sei impossibilitato a tenere il tuo cane non metterlo in un canile o in una struttura non idonea ad un levrierino ma contattaci. Come Rescue Center garantisco sempre la  tutela della privacy dei cani e rispettivi  proprietari. 

Che altro dire? Chi ha mai vissuto con un animale sa già come va a finire; un bel giorno dedichi a loro un’intero sito web e gran parte della tua vita!

 

 

Il nostro modo di allevare:

Lupavaro Pionieri nei pedigree "riproduzione selezionata"

E' nata con affisso Lupavaro la prima cucciolata in Italia (!) di Piccoli Levrieri Italiani con pedigree “violaceo” che riporta la nota  "Riproduzione selezionata" assente sui pediree "normali"

Nessun allevamento aveva finora prodotto cucciolate nate da Riproduttore selezionati. Dopo molti colloqui avuti con altri allevatori, sottolineando l'importanza di una selezione non solo per bellezza ma anche per salute ho notato finalmente e con piacere che ora anche qualche altro allevamento segue il nostro esempio.

 

I genitori dei cuccioli nati nel 2014 sono i nostri “ Riproduttori selezionati ENCI” Dark Legend's Blizzard e il CH Eros des Pitchoun Diables. 

Entrambi i genitori sono testati ufficialmente per occhi, cuore e ginocchia  (come tutti i cani che utilizziamo in riproduzione) ed esenti da malattie genetiche/ereditarie.

Siamo orgogliosi di questo e continueremo il nostro lavoro di selezione per il bene della razza con l’obiettivo , in futuro, di avere soltanto questo tipo di pedigree nel nostro allevamento e invitiamo gli allevatori di questa nostra splendida razza a mirare con occhio attento, oltre ai risultati in Expo, anche alla selezione in termine di salute. 

SIAMO ORGOGLIOSI DI QUESTO!